domenica 27 luglio 2014

CENTRODESTRA ITALIANO CON LA " SINDROME DI KERENSKY": VERSO IL REGIME COMUNISTA?

Kerensky, chi era costui? In tanti ancora oggi, a quasi 100 anni dalla rivoluzione russa, non riescono ad associare questo nome ad un personaggio che, nel 1917, ebbe un ruolo di grande rilevanza nel decidere le sorti dell' Impero zarista e dei popoli ad esso sottomessi. A capo del partito dei " Cadetti", ovvero il Partito Democratico Costituzionale Russo, ebbe un ruolo di primo piano nella rivoluzione borghese che depose la dinastia Romanov dal trono. Perseguendo una politica di corto respiro e di accondiscendenza nei confronti del Partito Bolscevico Russo ( Comunista), rimase egli stesso vittima delle proprie indecisioni e dei propri timori, motivo per cui si vide estromesso dal potere da coloro che non aveva saputo contrastare. Dopo la " Rivoluzione d'ottobre" e il massacro della famiglia dello Zar Nicola Romanov, dovette subire la sorte di molte migliaia di suoi compatrioti ed andare in esilio.          Cosa intendo dire quando paragono gli attuali leader del Centrodestra italiano alla figura di Kerensky? 

Intendo dire che, pur nella diversità di situazioni storiche ed ambientali, la figura dei vari Berlusconi, Alfano, Casini etc. non è molto diversa dalla figura miope e rinunciataria del leader russo dei Cadetti: tutti questi personaggi sono infatti causa del fatto che l'Italia ( quella di oggi!) sia stata da essi consegnata nelle mani di una compagine social -comunista che sta mandando in rovina la nostra agonizzante nazione. RINNEGATI!   Come potremmo infatti chiamare chi, come i suddetti signori, invece di fare una opposizione di acciaio nei confronti del governo di Matteo Renzi ( arrogante, inetto, andato al potere senza essere votato dal popolo!) finisce spesso e volentieri per votare le pseudo riforme portate avanti a colpi di voto di fiducia da un parolaio incapace e dal proprio Partito Democratico ( leggasi comunista) ? Come chiamare chi, dopo essere andato a chiedere il voto ai cattolici italiani e a baciare le mani dei cardinali in Vaticano, dà il suo parere favorevole alle " unioni gay", al divorzio" breve", alla cancellazione del reato di clandestinità ( aprendo con ciò le porte di casa nostra a centinaia di migliaia di tagliagole islamici), all' aborto nelle sue varie forme e in ultima battuta perfino alla fecondazione eterologa? Al tempo stesso, i signori di cui sopra hanno dato il loro assenso ad una legge elettorale truffa, dove il cittadino non potrà più votare per il candidato preferito ma solo per quelli inseriti nel listino di partito; stessa cosa dicasi per quanto riguarda la legge sull'abolizione del Senato della Repubblica, che a nulla servirà stante che non vi sarà alcun risparmio di spesa!    Se poi guardiamo alla situazione in cui si viene a trovare la Presidenza della Repubblica, trasformatasi da pura entità di rappresentanza in feudo social-comunista, allora il dramma si è consumato.  L' Italia del 2014, l'Italia di Renzi e Napolitano, si sta avviando a diventare una scalcinata e povera Repubblica Sovietica.     Ringraziamo a tale scopo i tanti Kerensky nostrani, e facciamo voti affinchè non tocchi anche a loro la sorte del loro predecessore slavo.